Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2013

Qualche giorno fa ho partecipato all’evento WWWorkers, a Bologna. Due giorni di racconti da chi per esigenza, per noia, per sfida o per passione si è (ri)inventato una vita e un lavoro, utilizzando la rete.

Cuochi a domicilio, lezioni di cucina online, dog-sitters, e-commerce di agricoltura biologica, sostegno ad allevamenti e pastori tramite l’adozione a distanza di animali, giardinieri, servizi a tutto tondo dove una lavanderia integra servizi di ritocco abiti, riparazione scarpe, e personal dresser; e tanti altri modi per amplificare il raggio d’azione di artigiani tradizionali, dalle venditrici di gofri piemontese, all’imbianchino, al pavimentatore specializzato in pavimenti alla veneziana.

Vita nuova a vecchie professioni, quindi, ma non solo: queste attività infatti non sono una semplice “digitalizzazione” e messa online del vecchio mestiere e dei suoi clienti: i casi più interessanti sono infatti quelli in cui la professione viene reinventata, combinata con nuovi servizi e competenze, e si rivolge a una comunità target nuova e molto specifica.

Al di là comunque del fattore Internet e del valore economico e sociale (in primis, work-life balance) generato da queste attività – isole di dinamismo nell’immobilismo della crisi – è interessante analizzare soprattutto quello che rappresentano in termini di mutamento della struttura sociale e della tassonomia delle professioni in relazione soprattutto a concetti come “classe” e “status”.

L’era industriale ha esacerbato la forte dicotomia, già presente, tra professioni manuali e intellettuali, senza risparmiare nemmeno la secolare sapienza, esperienza e personalità della figura dell’artigiano, schiacciandolo irrimediabilmente in basso alla piramide sociale.

Salvo forse il caso dei chirurghi, nella società occidentale sapere intellettuale e saper-fare manuale raramente hanno trovato una sintesi in uno status e in una professione alla sommità della piramide. Inoltre, la percezione del lavoro manuale come “umile” non è stata appannaggio solo delle classi colte, ma è stata sempre introiettata dalla società nella sua interezza, tant’è che tradizionalmente l’emancipazione economica e sociale delle classi meno abbienti ha coinciso con l’accesso a una cultura che si potesse tramutare in professioni intellettuali, “da ufficio”.

Ovviamente, ciò ha prodotto negli ultimi decenni sia una saturazione del mercato per i settori intellettuali, che di fatto un importante impoverimento della base del saper-fare nelle società post-industriali.

Ora, fermo restando che studiare è un diritto e tutti devono potervi accedere fino al livello che ritengono giusto per il proprio sviluppo individuale, i tempi sono pronti per ripensare a professioni e competenze rompendo questo schema univoco “intellettuale-alto-colto” versus “manuale-basso-non colto”. Questo si tradurrà in una nuova “gerarchia” di professioni, in nuove esigenze di formazione scolastica, e in un ridisegnamento dei rapporti tra professione e status sociale – sempre che abbia ancora senso, nella geometria reticolare della società post-industriale e dell’informazione, rifarsi a concetti intrinsecamente verticali come “gerarchia” e “status”.

Insomma, complice la crisi, la saturazione del mercato del lavoro per certi settori e professioni, la disillusione, la “liquidità” degli schemi valoriali tradizionali di riferimento, e infine la combinazione differente di competenze necessarie per competere nel mondo globale e della rete, ci potremmo riappropriare della bellezza dei lavori manuali e artigianali, liberi da rigidi posizionamenti in una scala sociale. Ma soprattutto, è ora di riappropriarsi del potere conoscitivo delle mani umane e di quella dimensione del “fare” che di fatto è concettuale, nel momento in cui concerne la scoperta, la ripetizione migliorativa, la profondità. (si legga a proposito: Richard Sennett, L’uomo artigiano).

Il trend di professionisti e laureati che lasciano il loro ambito di studio/lavoro per recuperare lavori tradizionali – molto spesso manuali – e reinterpretarli in chiave nuova e senza viverla coma una discesa nella scala sociale, è del resto in espansione, cosa non scontata fino a solo una decina di anni fa.

Les Midinettes

Les Midinettes

Per finire con una storia: se pensate a una sarta, cosa vi viene in mente? La mia immagine mentale è quella di una donnina un po’ ricurva, sulla sessantina, e una gonna sotto al ginocchio, che presumibilmente ha fatto quel lavoro da quando era bambina, e con la quale di solito spendo giusto il tempo di spiegarle il lavoro, misurarmi i vestiti, e ritirarli.

Sto frequentando corsi di cucito da due ragazze, giovani, sotto i trenta. Una è stilista di formazione, l’altra ha studiato scienze politiche e cooperazione internazionale. Si erano stancate, rispettivamente, di lavorare sotto altri, e di cercare lavoro in continuazione e fare stage non/poco pagati.

Hanno dato vita a un cafè-couture, che combina atelier di sartoria, boutique di abbigliamento di stilisti scelti, e laboratorio; è possibile infatti seguire corsi di cucito di gruppo o individuali, noleggiare macchine da cucire per farsi i ritocchi da soli, o proporre progetti personalizzati e farsi seguire individualmente dalle ragazze.

Qui non c’entra la rete, è vero, ma è un ulteriore bell’esempio di quanto la società, le aspettative dei giovani, gli obiettivi, e la percezione sociale di alcune professioni – e dello status sociale a loro connesso – stia subendo una mutazione e un rimescolamento senza precedenti.

Read Full Post »

Scriveva Saviano pochi giorni fa, poco prima di riabbracciare la sua Napoli dopo sette anni:

“Mi manca Napoli. (…) È incredibile come tutto questo fastidio che diventa quasi fisico, come questa ingratitudine, non siano riusciti a mutare la sua bellezza e la voglia di tornare da lei. Di riabbracciarla. È come una compagna che ti ha infinitamente tradito, ma della quale non puoi non riconoscere la bellezza, le qualità umane, la tragica verità. Nonostante lei ti odi, tu ancora vedi tutto quanto ti ha dato quando siete stati felici, ancora riconosci quello che ti ha fatto innamorare di lei.”

Mi raccontava un amico pochi giorni fa, su Milano:

– La decisione di traslocare nella casa in cui sto adesso, piccola, scura, in cui non riesco a stare né dormire, è stato l’ultimo gradino della discesa e della disumanizzazione. Una di quelle cose che fai per dimostrarti che non potrà funzionare, per obbligarti a cambiare e a scappare da dove sei.

– Come quel colloquio che ho voluto che non andasse bene, perché non voglio rischiare di restare a Bruxelles?

– Esatto. Come in una relazione d’amore. Quando ti infliggi l’ultima, infima umiliazione, perché vuoi essere sicuro di marcare un punto di non ritorno.

Immagine

Mont des arts

Bruxelles?

Vista dagli occhi di un mio amico, Bruxelles è come quella donna che ti dà la quotidianità; da cui magari fantastichi anche spesso di scappare per dare brio alla vita, ma da cui alla fine torni sempre, perché ti  fa sentire a casa.

Per me Bruxelles invece è stato un matrimonio di interesse. Non c’è stata mai passione, nemmeno all’inizio. Nemmeno quando ci approdai da studentessa Erasmus per un anno, più di 10 anni fa. Lo avrei già dovuto capire allora, quando mi stupii del fatto che per la prima volta non avevo voglia di esplorare una città; di scoprire chi era.

E invece ho insistito, perché curiosa di stare là dove le cose succedono e volenterosa di mettermi alla prova; perché motivata dalla carriera, ma anche cullata da una vita confortable, comoda, accogliente, sicura, e anche interessante; e dalla possibilità di un futuro stabile, anche economicamente, con l’illusione e la speranza che l’amore, o almeno l’accettazione, sarebbero sopravvenute, grazie al rispetto reciproco. Perché in fondo so che ho bisogno di quella tranquillità e di quella sicurezza che questa città sa dare. La sua patina grigia e il cielo uggioso sono una calotta protettiva, che tempera gli animi.

Riuscire a giocare il gioco di un altro – o di chi semplicemente non sei più, perché col tempo sei cambiato – è un’illusoria messa in scena che prima o poi crolla. L’aria manca e il corpo grida in gabbia, mentre guardi gli altri per rassicurarti che se loro ce la fanno, ce la puoi fare anche tu. E allora bisogna fare un salto fuori dal cerchio, anche se poi ti mancherà, anche se le sei riconoscente.

Read Full Post »